La quiete durante la tempesta.

Mi sono separato. Mi sto separando. Mi separo. Non è tanto importante descriverne le cause quanto gli effetti e il contesto.

Potrei, per esempio, iniziare parlando delle settimane trascorse a riattare un guscio vuoto. Ho sbagliato la tinta: mai mescolare un pigmento coral a un bidone da ventiquattro litri di bianco, a meno che non andiate matti per una tonalità rosa confetto casa-di-Barbie. Potete correggere con terra scura, ancora terra scura, poi giallo cromo per un risultato consimile a biscotto di terracotta salmonato. Mi sono fatto un culo così per dipingere a rullo pareti e soffitto, e altrettanto per rimuovere gli schizzi dal pavimento con un raschietto di teflon, acqua calda, aceto e detersivo che ha impregnato le fughe delle piastrelle di un retrogusto che ancora ristagna nei locali.

I mobili non sono un problema. Ikea über alles. Ma se non stai attento l’Ikea ikeizza anche te. Trasognati dai jingle ipnotici oberate il carrello di sedie pankett, tavolo kolazion, armadio kontenent e in men che non si dica tramutate casa vostra in un ambiente standardizzato e impersonale. Utili ed economiche le minutaglie e gli accessori. Ho visitato mercatini dell’usato, bric-a-brac e anonimi mercatoni dove ho trovato un ottimo cuscino ergonomico, nonché uno splendido spazzolino del cesso, of course. Altra roba perviene dall’ammasso familiare in disuso. Acquisti sbagliati, restituzioni, ricerche di scontrini smarriti nelle tasche. L’armadio, di ciliegio, usato, via internet e il tipo mi ha dato pure la scarpiera gemella. Barattoli per il caffè, il sale e lo zucchero in una ferramenta. La lavatrice a più di cento chilometri, un affarone. Il frigo è stato faccenda delle sette di un sabato sera, lo avevo già visto da un vecchio rivenditore in cardigan e cravatta: mi ha fatto piacere comprarlo da lui e quando mi sono precipitato a concludere me lo ha subito consegnato col furgoncino, la moglie cicciottella che attendeva nell’abitacolo.

Viaggiavo, viaggiavo sulla mia macchinona borghese declassata a camion; barre portatutto perennemente montate e il cagnino rassegnato e silente accompagnatore. Macinavo chilometri e pensieri percorrendo le scorciatoie di campagna. Giravo video con il telefonino, jazz in sottofondo, di strade, alberi e tramonti, the touch of your lips, oh you crazy moon, e in fin dei conti a ripensarci sarebbe stato tutto così naif e spasmodicamente vitale se non che ne ho solo un ricordo confuso di frenesia, batticuore e solitudine, ogni tanto mi mettevo a piangere mentre guidavo e bestemmiavo, sentite e profonde bestemmie che, in rigurgiti di scaramanzia pagana, temevo avrebbero peggiorato il mio inferno personale, lacrimoni sulle ginocchia, carezze al cagnino.

Arredavo la tana. Ho trapanato muri e la mia mano sinistra gocciolando sino alla farmacia per chiedere una benda.

Oltre a godere dei piaceri dell’attività artigianale dovevo spronare quella mia professionale, inettamente trascurata. Faccio, come penso si sia capito, l’avvocato, e un avvocato non campa solo del lavoro limato nella penombra dello studio ma delle relazioni che ha, dell’humus sociale ed economico nel quale affonda le sue radici, della sua rispettabilità e delle sue cravatte. E di quale appeal professionale poteva fregiarsi uno che si presentava agli aperitivi in scarpe da trekking e maglioni da montagna? La forma è, in questi casi, e nel milieu provinciale dove razzola il cliente generico medio in particolare, sostanza. Occorre che mi sbatta. Homo sine pecunia imago mortis. Se poi vuoi avere una donna, alla mia veneranda età necessariamente più giovane, non puoi più contare su un bel faccino ma devi avere dei soldi. Il denaro non è solo un mezzo di pagamento. È la misura del tuo talento, del tuo successo, della tua affidabilità, del tuo essere uomo e maschio. Il tuo portafoglio è il tuo fallo. Cinico? Amaro?

Parliamo, anche, di un mestiere ampiamente sputtanato, iperburocratizzato da adempimenti assurdi, colonizzato da una ventina d’anni a questa parte da orde di giovani di belle speranze e scarsissimo substrato culturale attirati da una prospettiva di ricco guadagno confidando in una buona dose di faccia da culo, improvvisazione e entrature amicali/parentali/politiche/sindacali/imprenditoriali, per i quali il logico cursus honorum è: Geometra? Giurisprudenza. Istituto alberghiero? Giurisprudenza. Istituto tecnico? Giurisprudenza. Perito agrario? Giurisprudenza. E lo snobismo posso permettermelo da quando un mio praticante domandò se “ex art.” significava che l’articolo di legge era defunto, divenendo di lì a poco il mio ex. Consequenziale al fenomeno è la polverizzazione del lavoro, in parte accentrato dal mega studione dove il capoccia tratta con il mega clientone (banca, società, ente pubblico o partecipato, facoltoso nobil homo) e i ragazzi di bottega sfacchinano per lui a stipendio fisso oltre a ramazzare le briciole che cadono e portare del loro, in parte dissipato nei mille rivoli della casualità che porta il cliente a imbattersi nell’avvocato di quartiere, del bar, del pianerottolo.

Aggiungasi la Grande Crisi e capiremo subito che un avvocato, vischio parassita dell’albero della economia produttiva, soffre e talora muore con la pianta che lo ospita: nella migliore delle ipotesi fatica ad arrivare alla fine del mese perché se un tratto di grandeur della professione è rimasto è quello legato ai costi di mantenimento della attività. Come ha detto un mio collega, uomo della sinistra, figlio del popolo: “Se uno non ha i soldi non deve andare dall’avvocato”. Vaffanculo, ho pensato, e lo penso tuttora.

Già, la crisi. L’Italia è un Paese di merda, allo sfascio, allo sbando. Preda di una classe politica e dirigenziale più che mai corrotta e corruttrice, completamente scollata dal gregge degli elettori e al tempo stesso perfettamente rispecchiante i desiderata del gregge medesimo, le cui ambizioni di prosperità e fortuna coincidono, mercè un’esperienza di ciò che accade mai delusa, con l’aspirazione di agganciarsi a qualche carriaggio del pubblico potere. Mascalzoni, manigoldi, lazzaroni, delinquenti. Lo diceva mio padre una quarantina di anni fa e non capivo. Ora lo so. Quando gli chiesi “Cos’è la politica?” mi rispose: “La politica è una cosa sporca”. Aspetto curioso dell’entropia del Paese è dato dal referendum svizzero che intenderebbe ostacolare l’ingresso agli italiani, sbarrare loro la frontiera in una sorta di feedback africano: chissà se manderanno motovedette sulle Alpi a cannoneggiarci come tuonano i tromboni nostrani a proposito dei barconi di negri. C’è sempre qualcuno più a sud, o più a nord, di te.

Il mondo sta deragliando. Il mio mondo sta deragliando. Cosa ci posso fare? Intanto, ginnastica. Mens sana in corpore sano. Corro. Sollevo pesi. Whup. Whup. Whup. Bisogna essere forti. Schiocchi dei dischi che si aggiungono. Whup. Whup. Whup. Bisogna essere forti. Bisogna essere forti quando il mondo deraglia.

Annunci

6 commenti su “La quiete durante la tempesta.

  1. Ipazia ha detto:

    “C’è sempre qualcuno più a sud o più a nord di te!”.
    sottoscrivo.
    ciao

  2. Ipazia ha detto:

    Non andare su Ipazia. Si tratta di un altro blog. Il mio si chiama Breviriflessioni.overblog.com e anche: 10fe.wordpress.com.
    io invece mi chiamo Valerio, non faccio il dj e vado a dormire molto prima delle sei!
    1 saluto

  3. luigi bastonliegi ha detto:

    Anche il mio mondo sta deragliando. Se ti ricordi, era quello in cui noi due, nello stesso periodo, abbiamo giurato sulla Costituzione; ora non credo che qualcuno sappia cos’è un giuramento; e, nel caso, su cosa giurerebbe?

  4. ruzino ha detto:

    Mi sono dato al raddrizzamento delle rotaie e al recupero delle carrozze. Come sai (ruzinoterapia). Ed è la ragione per cui scrivo poco (‘o scrivere nun vo’ pensieri). Adesso vengo a darti un’occhiata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...