Masterstronz.

Il concorrente è visibilmente affannato, rosso in volto. Ha un grembiule bruttato di sangue. Il sangue è anche sugli avambracci, sulle mani, e allarga la macchia di un fazzoletto che strozza un profondo taglio tra il pollice e l’indice.

“Allora, sentiamo cosa ci hai preparato. Come si chiama il tuo piatto?” domanda pacato uno dei tre giudici, uno con la barbaccia.

“Pane e salame.”

“Pane e salame? Tu pretendi che noi stiamo qui a mangiare pane e salame? Per chi ci hai preso?” sbotta, gelido, quello con la barbetta.

“Sì Chef. Scusi Chef. Ma al capocantiere è piaciuto moltissimo. Anche alla donna delle pulizie.”

“Al capocantiere? Al capocantiere?” Quello con gli occhialetti è incredulo. “Noi valutiamo piatti di alta cucina. Per gente importante. Tu vuoi farci perdere tempo e rubarlo ad altri più in gamba e motivati di te. Vergognati.” Strabuzza gli occhi, gli trema la voce.

“Che lavoro fai?” sussurra barbaccia scandagliando il concorrente con occhiate di disgusto.

“Il plastichino. Ma ho sempre cucinato fin da quando ero piccolo, era la mia passione, avrei voluto fare il cuoco invece del plastichino… a sei anni invitavo i miei compagni delle elementari a merenda preparandogli il Saint Honorè”.

Barbaccia ha un moto di riso trattenuto: “Il plastiche? Che coglione. E sei anche uno sbruffone. Altro che Saint Honorè. Vaffanculo tu, il pane e il salame.”

“Scusi ancora Chef. Mi dispiace Chef. Sono mortificato. Ma il salame l’ho fatto io. E anche il pane.”

“Ah, l’hai fatto tu. In un’ora. E dove avresti comprato la carne? E quale taglio avresti scelto, sentiamo?” chiede barbaccia, pignolo.

“No Chef. Ho ucciso il maiale. Un’ora fa. Ho macinato le parti più prelibate, filetto e controfiletto anzitutto. Stagionatura rapida nell’abbattitore molecolare.”

“Tu ci prendi per il culo. Per la stagionatura rapida nell’abbattitore molecolare basta mezz’ora. E nel resto del tempo cosa hai combinato oltre a farti le seghe?” sibila barbetta. “Tu forse dimentichi che quello al quale ti sei rivolto prima ha appena vinto il Gran Mestolone con il suo barracuda brasato in etere al profumo di pappataci e scorza di betulla.”

“No Chef. Scusi. Ho perso un quarto d’ora perché il maiale non voleva farsi macellare. Mi ha aiutato un cameraman. Mi ha anche dato cinque punti alla mano perché mentre sgozzavo il maiale mi ero ferito.”

“Il cameraman. Il sangue. E di che razza era il maiale?” interroga quello con gli occhialetti.

“Bionda di Velletri. Pochi grassi. Allevata a mele della val Venosta, mais, frutti di bosco, erba dei Prati di Tivo. L’esemplare è stato sottoposto a massaggi shiatzu ogni mattina e sera”.

“Mhhhh… saprai che la Bionda di Velletri va scannata con un coltello d’avorio. Tu che coltello hai usato?” indaga barbaccia.

“Quello del cameraman. Era un Opinel calibro 12. Il coltello d’avorio si è … rotto mentre inseguivo il maiale” scoppia in singhiozzi il concorrente. “Ma il salame è buono! È buono! Lo dice anche il capocantiere! È l’occasione della mia vita! Vi prego, assaggiatelo!” È un ometto grassoccio, suda moltissimo. Si strofina la faccia con le mani spalmandosela di sangue.

Barbetta è inflessibile. “Mi sa che non ci siamo. Anche la scelta dei tagli. La Bionda di Velletri è eccessivamente magra per usare solo il filetto e il controfiletto. Occorreva aggiungere il musetto, il grasso dei piedini disossati.”

“Però ha fatto il pane. E su, dimmi, il pane. Ha un profumo gradevole. Mi ricorda quello della Gina. Aaah, la Gina.” Occhialetti ha un trasalimento, il volto gli si distende, le palpebre socchiuse.

“Ho macinato il grano nella mola ad acqua. Grano Gran Visconte Straboni. Impastato con i gomiti insieme ad acqua delle cascate del Fiumelatte, lievito ozonizzato, sale delle isole Andamane, olio di olive Petullà” sorride, ora. “È buonissimo, Chef, lo dice anche il capo …”.

“Fa schifo.” Barbaccia interviene secco, spietato. “Lo sapevo che avevi adoperato l’oliva Petullà. Tutti uguali. Pensate di far colpo. Sento l’odore fin qui. Il fondo aromatico della Petullà guasta il pane. Ci vuole maggiore acidità. Per questo era più indicato, quantomeno, l’olio Pignatelli.”

“Oppure lo strutto di Carbonia” interloquisce occhialetti. “E poi non sono pienamente d’accordo sul sale delle Andamane. Troppo poco salato. L’abbinamento pane e salame in questo modo risulta stucchevole. La Gina, la Gina… aaah.” Rovescia indietro la testa, in pieno deliquio.

“Tu non vorrai che noi assaggiamo questa merda, vero?” gli fa eco barbetta lapidario. “Perché questa è una merda. E tu sei uno stronzo. Tu e il capocantiere. Per me è no.”

Il concorrente ciondola, farfuglia frasi inudibili.

Prende la parola barbaccia. Scandisce una sentenza. “Signor plasticoso, mi dispiace. Togliti il grembiule. Ti sei impegnato per le tue possibilità, invero limitate. Torna pure al tuo cantiere. E adesso stop.”

Si spengono i riflettori, le telecamere.

Barbaccia continua, solenne, nel silenzio.

“Noi proponiamo cibi immaginari. Cuciniamo pesci che non esistono più, verdure incontaminate, animali estinti. Il nostro scopo è nutrire fantasie, non corpi, riempire desideri, non stomaci. Pochi portafogli possono pagare i nostri menu ma tutti possono sognare di assaggiarli. È l’unione perfetta del panem con i circenses.” Arriccia le labbra in un ghigno benevolo. “Per questo il tuo piatto non andava bene. Non è suggestivo, non evoca, non irretisce. Anche se in un prossimo futuro … chissà.”

I giudici a latere assentono.

“Portatelo via.”

Il concorrente, inebetito e sottomesso, venne fatto sfilare da una quinta laterale. E di lui, classicamente, non si seppe più nulla.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...