Langue.

Mi mette un po’ di tristezza vedere il mio blogghino che langue. Le idee le avrei anche. Non ho il tempo di dar loro corpo. In compenso mi sono comprato un paio di Clark’s e una giacca in liquidazione, il che gratifica me e gli stagnanti consumi nazionali. Ma tanto, tutto langue. Faccio fatica a raccapezzare il presente e ad immaginare un futuro (cfr. Il paradosso di Ruzino, un post del 2008). Imprese che chiudono, negozi che chiudono, molta gente senza lavoro. Una situazione politica allucinante. Il sintomo palpabile della crisi è dato dalle pubblicità delle autovetture. Modelli che un paio di anni fa costavano venticinquemila euro sono in vendita a diciassette. O vendono a prezzo quasi di costo per non chiudere, per non licenziare tutti, oppure fino all’altro ieri ci inculavano. La boutique bella ha tenuto i saldi il più possibile, al settanta per cento. Dove andranno a finire gli operai, i negozianti, tutto il terziario e l’indotto che campava sulla produzione? Possiamo trasformarci da un giorno all’altro in un paese di agricoltori o allevatori di galline? L’umile gallina, ad esempio, o il chicco di grano, sono l’ultimo anello della catena di produzione del denaro, o il primo di un’economia di puro sostentamento. Gli economisti parlano di ripresa, di crescita. Di economie emergenti, come quella cinese, che ogni quattro mesi realizzano tanto PIL come la Grecia. Ma il PIL corrisponde a territorio da usare, energie da bruciare, animali da mangiare, materie prime da trasformare. I paesi emergenti hanno ancora territorio vergine, risorse, da sputtanare. Noi dove cazzo andiamo? Il mare è in tempesta e la nave sbanda, senza timoniere. Ogni giorno si scoprono nuove corruttele, falle negli acquedotti del denaro pubblico. Nuovi politicanti si azzuffano con antico stile per il loro orticello. Arriva papa Francesco Primo, mancano solo le cheerleaders. Ho scritto tutto di fretta senza la brutta e non si capisce niente. Ma è così che va tutto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...