Camionisti, forconi e altre faccende.

Scioperano i camionisti, intasano l’autostrada; i pescherecci rimangono in porto; i benzinai incrociano le pompe; gli avvocati si asterranno dalle udienze; i tassisti invadono pacificamente il centro città; i carrozzieri non verniceranno le lamiere.

Mi paiono manifestazioni della disperazione allo stato puro, ottusa e scombussolata, senza che la rappresaglia possa sortire alcuna utilità, alcun effetto da parte di una collettività economicamente e mentalmente sfibrata.

È come randellare un cadavere, propinargli una iniezione di adrenalina endocardiaca sperando che resusciti.

Oppure la speranza è che, come spesso avviene da noi, chi più strepita alla fine ottenga qualcosa, una briciolina in più rispetto al vicino affamato.

Così, ad ogni buon conto, adesso vado in piazza e cago per terra, chissà.

Annunci

2 commenti su “Camionisti, forconi e altre faccende.

  1. ilmondodigalatea ha detto:

    Eh me sa de sì. Ma, ad ogni buon conto, portati da casa la carta igienica.

  2. ruzino ha detto:

    “La carta de culo”, come dicevano amici triestini.

    Ho bevuto un prosecco: alla tua.
    Ruz.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...