Tecnicismi.

E comunque, questi discutono della reintroduzione, inasprita, della legislazione speciale (L. 152/75, c.d. Legge Reale) in materia di disposizioni a tutela dell’ordine pubblico, seu di “prevenzione o repressione di comportamenti che possano mettere in pericolo, in relazione a specifiche e concrete circostanze di luogo e di tempo, l’incolumità delle persone” (non cito testualmente ma faccio un collage di varie norme).

Vorrei rimembrare che già l’art. 384 c.p.p. prevede il fermo di indiziato di gravi reati (puniti con la reclusione non inferiore a due anni e superiore a sei, o concernenti armi da guerra, esplosivi, finalità di terrorismo o eversione dell’ordine pubblico), anche fuori dei casi di flagranza, quando sussistano specifici elementi che – anche in relazione alla impossibilità di identificare l’indagato – facciano ritenere fondato il pericolo di fuga.

E vorrei anche rimembrare che le circostanze storiche, le tensioni sociali, i pressochè quotidiani pestaggi e ammazzamenti per motivi politici o pseudotali, i reiterati moti di piazza degenerati in scontri sanguinosi, che avevano condotto alla emanazione della legge del 1975, senza soffermarsi sulla sua adeguatezza o meno, erano assolutamente incomparabili con quelle attuali: laddove la violenza – pur grave – è circoscritta a singoli episodi dislocati nel tempo e a facinorosi più o meno facilmente etichettabili.

Quello che penso è che all’epoca lo Stato tenne duro per anni a fronteggiare con i mezzi ordinari una situazione di emergenza prima di prendere provvedimenti straordinari (ripeto, senza entrare nel merito degli stessi); e che rappresenti ora un preoccupante sintomo di fragilità e paura, da parte dello Stato, l’ipotesi di adottare misure straordinarie e urgenti per contrastare un fenomeno non generalizzato, ancorchè in facto pesantemente incisive sulla libertà di tutti i cittadini.

E allora mi chiedo anche: vogliamo solo curare il raffreddore con il cortisone e gli antibiotici, oppure siamo dinanzi al tentativo di creare un caso, un nemico, che distolga l’opinione pubblica da problemi peggiori (col rischio di legittimare al tempo stesso l'utilizzo di trattamenti di polizia estremamente discrezionali)?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...