Berluskdämmerung.

Non è che il Berlusca mi sia antipatico in sè, ovvero in quanto uomo-Berlusca, e neppure come uomo politico in senso stretto (non considerandolo tale): quelle che gli imputo, su un piano formale/sostanziale, sono le responsabilità a mio avviso gravissime di avere ridotto in merda il dibattito parlamentare e il linguaggio sia politico che comune; di avere indotto gli italiani a credere che il decisionismo autoritario sia essenziale per una efficiente azione di governo; di avere pertanto indotto gli italiani a credere che il controllo incrociato dei poteri che caratterizza il nostro sistema democratico/costituzionale sia un intralcio, un orpello antiquato e inutile; di avere indotto gli italiani a credere che il potere giudiziario sia detenuto da una massa di imbecilli politicamente schierati, ed il sistema giudiziario assurdo e inaffidabile; di avere indotto gli italiani a credere che per affermarsi occorra essere furbastri, un po' disonesti  e farla franca; di avere indotto gli italiani a credere che tutto abbia un prezzo e possa essere oggetto di compravendita, dalla (o con la) figa ai voti alla carica politica; di avere indotto gli italiani a credere che il semplicismo ignorante sia chiarezza, la cultura un vezzo “di sinistra” (e perché?), indice di inconcludenza e debolezza.
Responsabilità, qui indicate a titolo non esaustivo, produttive di danni che difficilmente saranno riparabili.
Ora che però appaiono sempre più evidenti i segni della parabola discendente del Berlusca, tradito da femmine rapaci, abbandonato da molti ex seguaci, e neppure più tanto strenuamente sostenuto dai suoi stessi organi di informazione, non me la sento di infierire: e se Hitler pare si sia suicidato con una capsula di cianuro, Mussolini fu linciato (post mortem), Saddam è stato giustiziato, Stalin si spense nel suo letto: ebbene, sarò abbastanza generoso da offrirgli non una sola, ma più ipotesi di una fine catartica degna del personaggio.

1) Berlusca si asserraglia nella ridotta di Palazzo Grazioli per sfondarsi di sesso in una colossale orgia.
Auto civette dei servizi segreti trasportano in gran segreto alla residenza imperiale tonnellate di ministre, segretarie, sottosegretarie, assessore e consigliere comunali, provinciali, regionali e di quartiere, escort e chi più ne ha più ne metta, ansiose di suggere una stilla del seme dell’anfitrione.
Ivi, Berlusca si fa in quattro rinvigorito da abbondantissime dosi di viagra, cialis, ginseng, cantaridina e pure nduja calabrese.
Sfortunatamente, l’overdose di afrodisiaci infierisce malamente sul suo fisico già provato da innumerevoli festini.
Sicchè, dopo un accesso di satiriasi durato 14 ore, quando le labbra di una delle concubine stanno per posarsi sull’augusto e paonazzo glande, esplode in una polluzione di sangue sul volto della sventurata.

2) Berlusca fugge travestito da comunista: maglioncino dolcevita, giacca stazzonata di velluto a coste, un accenno di barbetta, spillina del Che appuntata al bavero.
Ha imparato a memoria un paio di pezzi degli Inti Illimani e qualcosa dei Tête de Bois, dato una scorsa al Bignami del Capitale, visto con grandissimo sforzo le ultime due puntate di Ballarò.
Sicuro della sua nuova identità si mescola alla folla di una festa del PD di Faenza dove, dopo avere vinto il torneo di briscola a coppie, viene cooptato tra i volontari addetti alla sistemazione del palco per il concerto dei Subsonica.
Ma la vista di un pianoforte infiamma l’animo del vecchio entertainer che attacca vigorosamente a strimpellare l'immortale successo “Meglio ‘na canzone” (di Berlusconi/Apicella), pronto a riscuotere ancora una volta gli applausi del suo pubblico.
Sfortunatamente, viene subito riconosciuto dai militanti dell’ala dura che lo finiscono a colpi di piadina e salsicce.

3) Berlusca fugge con il fido Fede a bordo del suo jet privato e chiede asilo all’amico Putin, che però fa finta di non riconoscerlo e gli parla in dialetto moscovita stretto.
Ripara allora da Gheddafi che però gli scatena contro la sua guardia del corpo, cinquecento cavalle arabe armate di scimitarra.
I due decidono di trasvolare l’oceano fino al villone di Antigua.
Sfortunatamente, l’aereo precipita nella giungla.
Berlusca e Fede vengono catturati da una tribù di indigeni gay, singolarmente e abnormemente superdotati.
Il capo dei selvaggi pone loro il seguente quesito: “Preferite morire oppure …?”.
Mesi e mesi dopo il solo Fede viene ritrovato da una spedizione, in stato confusionale, il culo completamente a brandelli.

4) Muore.
 

Annunci

10 commenti su “Berluskdämmerung.

  1. lafemmedargent ha detto:

    huauauaua!!!
    (e annamo dai)

  2. anonimo ha detto:

    5) Berlusconi sta riattaccando il pistolino ad una statua romana, e Bondi gli fa notare che la statua manca anche di buco di culo; allora Berlusconi prende il blechedecher e comincia a trapanare tra le chiappe di marmo. Travaglio lo dice sul giornale e Bersani fa un casino bestiale. Allora Sallusti dice sul suo giornale che è tutta invidia e indice la giornata del blechedecher nel culo. Milioni di italiani muoiono di trapanamento; i supersiti assaltano palazzo Grazioli e trapanano a morte Berlusconi. L'autopsia svela che egli mancava di buco del culo e aveva una cassaforte piena di pistolini di marmo.
    L.B.L

  3. anonimo ha detto:

    6) Travaglio scrive che ci sarebbe una ragazza chiusa nel bagno di Palazzo Grazioli da due settimane. Berlusconi nega. Ghedini dice che è tutta invidia perché le ragazze di sinistra sono stitiche, per quello vanno a vedere i film di Ozpetek, perché fanno cagare. Sallusti indice una campagna a favore delle occupazioni delle latrine ("Italiani, chiudetevi nel cesso"). Ma Napolitano esprime viva preoccupazione, sicché Berlusconi e Bondi si decidono ad aprire la porta con un passepartout fornito dai Servizi Segreti Deviati Dai Calcinacci O Dalle Reti di Recinzione Dell'Autostrada. Vengono travolti da uno tsunami di sterco e periscono miseramente. Si scoprira poi che la misteriosa ospite della toilette primoministeriale altro non era che una giovane e famosa vìcantante internazionale: Lady Caga.
    LBL

  4. anonimo ha detto:

    7) Berlusconi cammina per le strade di Roma e dice: "Toh, un toscano intero; e poi dice che c'è la crisi" ; si pianta in bocca il reperto e lo accende, aspirando con soddisfazione. Tra le ampie volute di fumo si fa strada Bondi che dice: "Ma Maestà, non è un toscano, è uno stronzo di cane".
    Berlusconi risponde "Cosa credi, lo sapevo benissimo", ma in cuor suo ci rimane male, e la notte successiva muore di crepacuore.
    LBL

  5. anonimo ha detto:

    7) Berlusconi e La Russa sono in macchina, nella macchina di La Russa. La Russa è così malvagio che come navigatore ha un Ton Ton Macute nel cruscotto. Ad un certo punto La Russa gira a destra quando il Ton Ton aveva detto di girare a sinistra; e quello esce dal cruscotto e uccide La Russa a colpi di machete e trasforma Berlusconi in un zombi. Il giorno dopo Travaglio titola a tutta pagina "Berlusconi è uno zombi senza buco del culo" (cf..supra); Bersani fa un'interrogazione parlamentare, Ghedini dice che è una cura del San Raffaele per vivere a lungo senza prendere fregature, Monsignor Svastichella dice che la chiesa esige dai suoi fedeli la presenza del buco del culo. Berlusconi non muore, ma è come se. Si pongono le basi per un governo di larghe intese.
    LBL

  6. anonimo ha detto:

    @ Lafemmedargent:
    embè, sai com'è … dai oggi, dai domani, poi uno non si può lamentare se focalizza le ansie – in negativo come in positivo, per carità – di una nazione e offre quotidianemente spunti di fantascienza.

    @ LBL:
    yeah: chapeau. il tonton macute è da oscar. ma cosa avevi bevuto, che lo voglio anch'io?

    Ruzino

  7. galatea72 ha detto:

    Siete dei geni. 😀

  8. anonimo ha detto:

    @ Galatea:
    Arrossisco, per la mia parte.
    Ciao

  9. anonimo ha detto:

    Beh, io sono abituato alle lodi; comunque, grazie.
    LBL

  10. anonimo ha detto:

    Forse non è Berlusconi ( mi scuso per il termine ) ad aver convinto gli italiani dell'inutilità dell'apparato democratico giudiziario. Forse è stato eletto ( dal popolo, mi raccomando ) perchè esprime tutto il qualunquismo tipico degli italiani, la loro/nostra estraneità al senso comune del vivere, al rispetto verso le istituzioni. Forse! 1 saluto
                                                                                 Valerio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...